MODELLI SPLIT-CAST

I modelli realizzati con la tecnica dello split-cast (foto 1-2) sono molto utili sia in protesi che in diagnosi.
Nella protesi vengono utilizzati sia per controllare eventuali piccoli rialzi occlusali a cottura ultimata sia per valutare la ripetibilità occlusale nella tecnica delle tre cere di Reference Position RP o l’esatto montaggio su articolatore.
In diagnosi invece sono molto utili all’odontoiatra per valutare in articolatore l’eventuale gap tra massima intercuspidazione (ICP) e Reference Position (RP), infatti basterà togliere il magnete e posizionare il modello in massima intercuspidazione con l’antagonista, se lo split-cast, una volta chiuso l’articolatore non si adatterà perfettamente alla base del modello, la differenza tra RP e ICP sarà evidente (foto 3-4).

E’ importante sapere che per grandi riabilitazioni protesiche (protesi mobili totali , ricostruzioni protesiche dei quadranti posteriori e ortodontiche) è bene che la ICP e la RP corrispondano.

Split Cast 1

Foto 1


Split Cast 2

Foto 2

sito 1

RP foto 3

sito 2

ICP foto 4