CERATURA SEQUENZIALE

La ceratura sequenziale secondo la tecnica del Prof. Rudolf Slavicek è una progettazione del manufatto protesico che prende in considerazione tutte le guide funzionali e contatti dentali, e considera l’eventuale abrasione della protesi nel tempo. Infatti la ceratura sarà fatta in guida canina pura (secondo la scuola viennese del Prof. Slavicek), ma se questa dovesse con l’usura del tempo perdere efficienza, automaticamente entrerebbe in funzione la guida funzionale del primo premolare e via dicendo fino ad arrivare ad interessare l’intero quadrante raggiungendo una funzione di gruppo, ma sempre rispettando la funzionalità del lavoro protesico.

Prima di iniziare una ceratura sequenziale bisogna settare l’articolatore a valori individuali, utilizzando i valori ottenuti dal clinico tramite un esame assiografico. Bisogna anche stabilire una corretta dimensione verticale, con i  valori ottenuti dal tracciato cefalometrico, un corretto piano occlusale, ed una corretta posizione articolare di lavoro, utilizzando cere di RP. Si montano a questo punto i modelli sull’articolatore con l’ausilio di un arco facciale possibilmente cinematico.

   Come devono essere realizzati i modelli.

Il modello superiore deve essere preparato con split-cast.

Il modello inferiore deve essere preparato con monconi sfilabili per ogni dente tranne il gruppo dei 4 frontali inferiori; questo ci servirà, durante la ceratura, ad eliminare alcuni elementi per controllare l’esatta sequenzialità e il tragitto funzionale di ciascun elemento cerato.